65 anni Avis Arona

Una serie di iniziative per festeggiare il gruppo donatori di Arona. Ecco il programma della celebrazione dei 65 anni Avis Arona.

Nel 2011 l’Avis Arona aveva lasciato i donatori, i soci e l’intera cittadinanza con una grande celebrazione in rosso per i 60 anni. Dopo cinque anni la comunale aronese si ritrova a festeggiare un nuovo compleanno speciale. Nelle prossime settimane vivrà tanti momenti significativi per celebrare l’ennesimo traguardo importante: in programma una serie di appuntamenti, istituzionali e conviviali.

Per avvicinarsi con il sorriso alla festa clou il 24 e il 25 settembre salirà sul palco la compagnia teatrale “Amici per un sogno”. Ridere fa buon sangue e quale occasione migliore se non iniziare con uno spettacolo teatrale che metta di buon umore?. Il sipario dei festeggiamenti si alza, dunque, con un appuntamento della risata. Sul palco una commedia brillante per tutta la famiglia, “Il povero Piero”, regia di Renata Mariotti. Lo spettacolo sarà l’occasione, anche, per una raccolta fondi da devolvere in beneficenza. Già aperte le prevendite dei biglietti: sede Avis di via San Carlo, dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19. Costo del biglietto 5 euro.

I festeggiamenti continueranno il primo weekend di ottobre con le celebrazioni ufficiali. Sabato 1 e domenica 2 ottobre tanti i momenti solenni e di incontro: dal corteo alla messa, dal rinfresco alla consegna delle benemerenze dei soci. Veri protagonisti della festa i donatori di oggi e del passato. Loro, attraverso il gesto della volontarietà e della non remunerazione, hanno contribuito a salvare tante vite.

65 anni Avis Arona 1951-2016, la storia in breve

La comunale fu fondata nel 1951 da un gruppo ristretto di aronesi, alla fine del 2015 i soci donatori sono arrivati a 1.317 e sono aumentate le sfide, molte quelle vinte e altre nuove da affrontare. «Negli anni molto è cambiato. – sottolinea il presidente Mario Brovelli – il filo rosso che unisce il donatore all’ammalato, non è mutato, però. Un gesto di generosità, altruismo e solidarietà».

La sezione venne fondata il 26 giugno del 1951 quasi in sordina da un ristretto gruppo di aronesi. Si deve proprio a questi primi aderenti l’inizio di una storia che ancora oggi raccontiamo. Dall’intuizione di pochi si gettò il seme di una prestigiosa opera sociale che nel corso degli anni si è posta all’attenzione della cittadinanza aronese e di tutto il circondario convergendo su di essa la parte più sensibile e generosa della popolazione.

I 65 anni Avis Arona son un traguardo ancora una volta da celebrare. Come ringraziamento, soprattutto, ai numerosi donatori che in questi anni hanno saputo e voluto aiutare gli altri. Il loro costante impegno e la loro generosità hanno consentito alla sezione di crescere sempre più. Questo le ha permesso di imporsi quale punto di riferimento essenziale per le esigenze del Servizio Immunotrasfusionale dell’Ospedale Maggiore di Novara.

Avis Arona, infatti, è tra le più attive della Provincia di Novara e una delle poche sezioni anche a livello regionale ad avere un gruppo giovanile attivo ed intraprendente che si impegna a promuovere e sostenere la causa Avis.

Presente e futuro di Avis Arona

Tra le sfide importanti di questi ultimi cinque anni, la più significativa, che ha riguardato anche a livello nazionale le altre consorelle avisine, è stato sicuramente l’accreditamento dell’Unità di raccolta fissa. 

Come ricorda il presidente Mario Brovelli: «La rispondenza ai criteri strutturali, organizzativi e di qualità definiti a livello europeo era la condizione per poter continuare a svolgere l’attività di raccolta. Il conseguimento di un obiettivo non semplice. Centrato, però, con grande soddisfazione. Questo ci ha permesso di continuare, seppur con grandi sforzi ed investimenti, a scrivere la storia di Avis Arona».

Il prossimo anno invece una nuova sfida e un tema importante per tutto il gruppo: il rinnovo delle cariche sociali.

Per conoscere meglio il gruppo Avis Arona e conoscere il calendario dei prelievi rimandiamo al sito ufficiale: www.avisarona.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here