Baveno: il monumento ai caduti della Strage del Lago Maggiore

L’Eccidio degli Ebrei nella Seconda Guerra Mondiale ha colpito profondamente il nostro lago Maggiore, ecco tre appuntamenti in tre paesi per il Giorno della Memoria 2019. Ricordare è un dovere.

Giorni della Memoria 2019 ad Arona

Anche quest’anno, l’Amministrazione Comunale di Arona onorerà la Giornata dedicata alla Memoria delle vittime della brutalità nazista insieme ai più giovani.

Venerdì 25 gennaio alle 10 si terrà un incontro presso la palestra dell’Istituto
Comprensivo “Giovanni XXIII”. Durante l’evento interverranno la Dirigente Prof.ssa Gabriella Rech, il Sindaco On. Alberto Gusmeroli, un docente dell’Istituto e A.N.P.I. – sez. di Arona. Il coro dell’Istituto Comprensivo accompagnerà la cerimonia.

La commemorazione proseguirà domenica 27 gennaio 2019 alle 11 presso la Tomba
Cantoni (in via Isonzo, lato destro del cimitero) con un momento di riflessione e l’intervento del Sindaco.

La commemorazione presso le Pietre d’Inciampo a Meina

Appuntamento dedicato ai più piccoli anche a Meina. Domenica 27 gennaio si partirà nel sito dell’ex Hotel Meina ora monumento diffuso della Shoah “Pietre d’inciampo” un punto di ritrovo simbolo della strage del lago Maggiore, un inciampo fisico e della memoria per le vittime della barbarie nazista.

Domenica ritrovo alle ore 10 nel sito delle Pietre d’Inciampo – l’imbarcadero sul lungolago del comune di Meina in piazza Marconi – dove si terrà la cerimonia commemorativa. Alle ore 11 ci si sposterà presso il municipio, nella sala consiliare, per partecipare all’intervento della scrittrice Sara Magnoli, dal titolo “Negli occhi dei bambini” – Il tema della Shoah nella letteratura, nell’arte e nel cinema visto dai più piccoli.

Seguirà un piccolo rinfresco.

Uno spettacolo teatrale per ricordare a Baveno

“Io ti racconto. Settembre 1943, una strage dimenticata” è il titolo dello spettacolo che si terrà a Baveno in occasione del Giorno della Memoria 2019. Lo spettacolo a cura di Onda Teatro, con Claudia Appiano e Silvia Elena Montagnini per la regia di Bobo Nigrone è la narrazione dal generale al particolare del più grande eccidio della storia dell’umanità.

La storia, che si rivolge direttamente ai ragazzi, parte dalla poesia “Se questo è un uomo” di Primo Levi e dalla proiezione di immagini storiche, per avvicinarsi gradualmente a Baveno, alla Strage del lago Maggiore in cui tre famiglie in tre giorni e altri civili persero la vita.

I membri delle famiglie, i personaggi che abitano a Baveno, i soldati confusi dall’otto settembre, i tedeschi e i fascisti vengono impersonati dalle attrici che alternano narrazione e teatro d’attore.

Appuntamento lunedì 28 gennaio alle 21 alla Sala Nostr@domus di Baveno. L’ingresso alla serata è libero e gratuito. Organizzazione a cura di Città di Baveno.

La Giornata della Memoria 2019 a Stresa

Appuntamento con la memoria pensato per i più giovani, ma non solo, anche a Stresa.
Domenica 27 gennaio dopo la celebrazione della Santa Messa nella Chiesa SS. Ambrogio e Theodulo sul lungolago – ore 11; ci si sposterà in corteo per la posa di una corona di alloro al monumento dei Caduti nei lager nazisti di piazza Sirtori.

Mercoledì 30 gennaio, invece, una giornata dedicata alla rappresentazione della Shoah attraverso lo spettacolo teatrale “Dal campo di calcio ad Aushwitz”. Nel pomeriggio, ore 14, all’Auditorium dell’Istituto Comprensivo Rebora lo spettacolo sarà destinato solo agli alunni della scuola secondaria di primo grado. In serata, alle 20.45, tutti potranno scoprire come da due reti e un pallone si possa finire a spaccare pietre in un campo di concentramento. Appuntamento al Teatro Oratorio A. Rosmini. Ingresso libero. Organizza Città di Stresa in collaborazione con il Centro Culturale C. Peguy.