Lucio Manni, classe 1927, è stato premiato come “Meinese dell’anno” per il 2011. L’amministrazione comunale ha deciso di premiare il Manni principalmente per tre motivi: per il suo servizio pluriennale nelle Ferrovie dello Stato, per il suo prezioso impegno nell’amministrazione comunale come vicesindaco ma soprattutto perchè nella Seconda Guerra Mondiale, all’età di 16 anni, è stato una staffetta partigiana.

Ma non solo. Lucio Manni è stato anche un importante protagonista della comunità meinese, ha contribuito a tener viva la mamoria del 25 aprile, organizzando ogni anno i festeggiamenti per la liberazione; si è impegnato ad organizzare ogni anno il grande carnevale di Ghevio, che negli anni ’90 era il più grande del Vergante e, forse, anche della zona tra i due laghi.

“Era sempre il primo” ha dichiarato l’assessore Roberto Pradella , ricordando l’impegno del Lucio, come tutti i gheviesi e buona parte degli abitanti di Meina lo chiamano abitualmente.

“In questo secondo anno del premio “Meinese dell’anno” – ricorda il Sindaco, Paolo Cumbo – abbiamo voluto premiare: un uomo, un lavoratore, una persona umile che ha fatto molto per la nostra comunità”.

 

t

PUBBLICITA\'