peiv
PEIV

La terza edizione della festa PEIV si è svolta domenica 26 ottobre alle scuole di Pisano.

Più di 100 persone si sono fermate al pranzo, organizzato dal Comune. Dalle 14 poi sono state proiettate le foto delle esperienze di Druogno e Cesenatico, pensate per favorire il passaggio alla primaria e alla secondaria. Dalle 14.30 il via ai tanti laboratori allestiti dalle associazioni del territorio: da quello di musica al rugby, passando per quello di arte, di storie narrate e di zumba. Soddisfatto il sindaco Mazzola, che ha così commentato la scelta di Pisano come sede dell’evento:” L’Istituto ha espresso il desiderio di coinvolgere maggiormente il nostro paese e abbiamo risposto con facilità a questo invito. Ci siamo candidati anche per la prossima festa, a fine anno scolastico“.

Emmanuele Gatti, uno dei docenti dell’Istituto, ha evidenziato gli scopi della giornata:” Un’occasione per stare assieme e fare comunità. Si vuole mostrare come l’istituto punti molto sulle relazioni, perché dove si sta bene con gli altri si impara meglio“. Vilma Brusetti, referente del progetto PEIV all’interno dell’I.C. del Vergante anche se già in pensione, ha proseguito sulla stessa linea:” Vogliamo coinvolgere le famiglie e far loro cogliere la continuità che c’è tra infanzia, primaria e secondaria. Purtroppo ancora oggi molti genitori non sanno cosa sia il PEIV“. Certo, un Piano educativo integrato del Vergante, ma in concreto di cosa si tratta? A questa domanda ha risposto un’altra insegnante, in maniera chiara:” PEIV è l’unione delle strutture educative del territorio, che convergono soprattutto sulla scuola. L’integrazione è l’unico modo per lavorare bene e ottenere risultati positivi“.

La giornata è piaciuta molto ai protagonisti, ovvero i bambini e i ragazzi, Matteo e Francesca, due fratellini di 8 e 6 anni, dicono di aver gradito soprattutto il laboratorio di rugby (lui) e quello di musica (lei), a cui hanno partecipato anche mamma e papà. Per giocare con i propri figli non si è mai troppo grandi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here