“Coraggio, costanza e competenza”: sono queste le tre “C” che dovranno mostrare i 30 nuovi aspiranti Volontari “Piemonte 118” che hanno partecipato alla presentazione del nuovo corso organizzato dall’Ambulanza del Vergante, venerdì 10 febbraio a Nebbiuno.

A parlare, nella presentazione della serata, il Presidente dell’Ambulanza Daniele Giaime, che ha ricordato tutti i servizi svolti a favore del territorio: dai trasporti degli ammalati non urgenti, all’ospitalità e aiuto per la guardia medica nei fine settimana e nei giorni festivi. Inoltre Giaime ha ricordato il legame con il territorio e la partecipazione dell’Ambulanza del Vergante a molte manifestazioni e alla “rete associativa” presente sul territorio. Ma soprattutto il servizio di emergenza Piemonte 118 attivo 24 ore su 24. E il Corso presentato venerdì sera era proprio per presentare il corso che abilita, a livello regionale, ad essere Volontari sulle Ambulanze del servizio emergenza.
Presenti alla serata, oltre alle numerose persone interessate al corso, una grande rappresentanza dei più di cento volontari del Gruppo e le autorità locali: il sindaco di Nebbiuno Elis Piaterra, il vice sindaco Gino Attilio Timo e il vice presidente della Provincia di Novara, Angelo Luca Bona, che hanno portato il loro saluto.
Il sindaco dott.sa Piaterra ha ringraziato il presidente Giaime e tutti i volontari dell’Ambulanza non solo per il loro lavoro sulle emergenze, ma anche per tutte le attività di supporto al territorio. “Sono un grande esempio di sussidiarietà – ha affermato il sindaco – un grande esempio di volontariato per aiutare chi vive intorno a noi”. In particolare ha ricordato l’assistenza sullo scuolabus fatto dalle volontarie Maria e Liliana e proprio per questo l’Amministrazione ha deciso di dare millecinquecento euro al “Gruppo Volontari Ambulanza del Vergante”. Piaterra ha anche annunciato la volontà di estendere il servizio prelievi anche per chi ha meno di 65 anni e di potenziare il servizio ambulatorio per le frazioni con un servizio navetta con l’ambulatorio e la farmacia. Elemento di efficienza è la “Casa del Volontario” dove trovano sede, oltre l’Ambulanza, anche altre associazioni del territorio: l’AIB e la Protezione Civile.
Il vice presidente della Provincia di Novara Angelo Luca Bona, dopo i ringraziamenti e i complimenti per il buon lavoro dell’Ambulanza del Vergante. “Soprattutto in questi momenti – ha detto Bona – in cui le risorse sono stringatissime, bisogna fare meno feste e dedicare quelle poche risorse che ci sono alle cose che servono come il 118”, e i fondi devono venire “dalla razionalizzazione, una brutta parola che vuol dire togliere gli sprechi, magari facendo anche reclamare qualche primario” e su questo punto Bona cita come il caso dello spostamento dell’elicottero 118 a Novara a Borgosesia.
A portare un saluto è anche il vice sindaco Gino Attilio Timo, che ha fatto notare la capacità del presidente Giaime di tenere alto e, anzi, incrementare, il numero dei volontari.

Dopo un breve video che ha presentato la realtà delle Pubbliche Assistenze – ANPAS, Daniele Giaime presenta il corso vero e proprio, a partire dalla Commissione di formazione da lui presieduta e composta da Ciancaloni Maurizio, Passarani Cristina, Laura Sandrini e Vella Fabrizio aiutate anche da professionisti esterni, infermieri, medici e psicologi. Il corso è iniziato questo mercoledì 15 febbraio e proseguirà fino a giugno, quando dopo gli “esami” inizierà il tirocinio in ambulanza.


Le volontarie dello Scuolabus