Io sono Saharaui presentazione arona

Il Circolo Legambiente di Arona organizza una serata di presentazione con l’autore del volume a fumetti Io sono Saharaui, che narra le vicende del popolo Saharawi.

Si terrà nei locali della Casa del Popolo di Arona – via Roma 78/80 – martedì 21 agosto alle 17.30 la presentazione del volume illustrato ” Io sono Saharaui “. L’incontro è organizzato nell’ambito del progetto di accoglienza dei piccoli Saharawi, coordinato dal Circolo di Legambiente “Gli amici del Lago”.

Raccontare un popolo con la matita e una storia

Il volume a fumetti “Io sono Saharaui” sarà presentato alla presenza (se no che presentazione è?) di Gianluca Diana, che ha realizzato i testi del libro illustrato da Andromalis (Andrea Malis), artista attivo nell’ambito sociale.

Il volume, giunto alla seconda edizione, racconta fedelmente la vita di Mariem Hassan. Mariem era una cantante – é scomparsa nell’agosto di tre anni fa – che ha fatto conoscere la realtà del popolo Saharawi. Questo impegno le è valso il soprannome di «Voce del Sahara».

Nelle pagine del libro la vita di Mariem scorre parallela alle sue canzoni e alla storia del popolo del deserto: le atmosfere auliche e spensierate dell’infanzia nomade, la giovinezza che si mischia all’occupazione marocchina del Sahara Occidentale e poi l’esilio, i campi profughi in Algeria e la Spagna, gli amori, la famiglia, i figli, i primi dischi a suo nome e la fama internazionale. E sempre, per mantenere una rotta della storia: la lotta per l’indipendenza del popolo saharaui.

La storia di Mariem in 300 caratteri

Mariem a 15 anni rifiuta il matrimonio combinato, da lì parte la rivendicazione di un’identità che passa dalla lotta per il diritto di scegliere di indossare la melfa a dare la voce ad un popolo senza terra e di una terra senza il suo popolo, raccontando che esiste un muro lungo 2.720 chilometri che separa i saharaui. Tutto questo mentre danza leggiadra e canta possente e sicura, una Star dei principali festival di world music al mondo, dalla Finlandia all’Australia: é stata capace di rendere contemporaneo l’haul, trasmettendone bellezza e groove a qualsiasi latitudine.

Il volume Io sono saharaui vive del calore, della luce, dei colori e del suono di Mariem. Infatti, il fumetto è parlato, illustrato, coloratissimo: una festa per gli occhi di tutti. Dai campi profughi di Smara in Algeria ai festival di musica al di là degli Oceani o al di qua del Mediterraneo, dalla Rambla di Barcellona alla linea d’orizzonte del Sahara, è un romanzo grafico in cui è saggio perdersi.

Gianluca Diana, l’autore dei testi, racconta storie a Roma, città in cui vive e lavora. Ogni storia ha il suo medium: la radio (Onda rossa, Città aperta, Popolare, RaiRadio 3, Città futura) o la scrittura («Il manifesto» e «Alias»). II cuore delle sue narrazioni è l’amore verso i suoni e le culture afro-americane, tanto che dal 2005 dirige – e a volte ci fa il dj – una delle principali rassegne blues d’Italia, il Mojo Station Blues Festival.

A collaborare all’appuntamento di martedì 21 agosto, numerose realtà locali: il circolo Wood, la Corte dell’Oca, la scuola di musica Jungle, la rete Nondisolopane e Feltrinelli Point Arona.