Non una bella e calda giornata d’estate, bensì un cielo cupo e minaccioso di tempesta, un lago verde mosso da una frizzante brezza, lo scenario del golfo di Solcio e del porto di Lesa …

hanno fatto comunque da splendida cornice alla tradizionale benedizione del lago e delle barche, svoltasi sabato 6 agosto a Lesa. Alle ore 17 la partenza da Solcio sulla barca, messa come sempre e generosamente a disposizione da Giorgio Brovelli che la conduceva – addobbata di fiori e con la cornice raffigurante il dipinto della Madonna di Campagna – che ha trasportato don Massimo seguita dalla processione di barche.

Una sosta di preghiera davanti al Santuario della Madonna di Campagna e quindi l’arrivo davanti alla rotonda del lungolago di Lesa. Motoscafi, banche, canotti, canoe… tutte radunate per ricevere la particolare benedizione; una preghiera per i defunti annegati nel lago, solennizzata dal suono della tromba che intonava il silenzio, e, dopo aver gettato una brocca di acqua benedetta nel lago in segno di benedizione, don Massimo ha benedetto tutte le barche presenti che hanno suonato le sirene in segno di ringraziamento. La folla presente, in modo particolare i turisti di passaggio, ha così potuto assistere ad una cerimonia semplice ma veramente suggestiva che si rinnova ogni anno nella comunità di Lesa.

Al termine della cerimonia di benedizione delle barche, nonostante la pioggia che cominciava a cadere, lo svolgimento del palio remiero. Una sorta di “sfida” tra le frazioni del comune di Lesa e quello di Belgirate. Hanno aperto la gara le barche di Lesa, Villa Lesa e Belgirate: proprio i rematori di Lesa, Moreno e Roberto, hanno vinto la prima batteria staccando subito l’imbarcazione di Villa Lesa, condotta da Marco e Davide, e quella di Belgirate condotta da Andrea e Marco. Quindi la seconda batteria con l’imbarcazione di Solcio, condotta da Giorgio e Alberto, che ha nettamente battuto quella di Comnago con Danilo e socio. La finale, tra le frazioni di Lesa, Villa e Comune di Belgirate, ha visto la bella vittoria dell’imbarcazione di Solcio seguita da quella di Lesa e poi Villa Lesa.

Il sindaco di Lesa ha consegnato quindi la grande coppa ai rematori Giorgio e Alberto. Un programma ridotto, rispetto a quello previsto che aveva in programma anche la fiaccolata dei canottieri rinviata a causa delle cattive condizioni del tempo.

PUBBLICITA\'