“Adesso so che fatica ha fatto Geppetto per costriuire il suo bambino!” queste le parole, colme di entusiasmo di Giacomo (7 anni) che ha partecipato, assieme ad altri sette ragazzini, al corso di falegnameria per bambini organizzato dal Comune di Oleggio Castello grazie alla disponibilità della Naturando Academy di Agrate Conturbia.

Monica e Paolo, ideatori e fondatori dell’associazione Naturando, hanno accompagnato con serietà e dedizione i bambini nei sei incontri e, guidandoli nelle fasi del lavoro insegnando loro a lavorare con attenzione ed impegno, ma anche stimolando la loro fantasia e creatività.

Ci spiega Monica: “Il laboratorio si è sviluppato in due fasi: Nella fase di progettazione e lavorazione proponiamo loro cosa costruire (ascoltando anche le loro proposte e se realizzabili le organizziamo per la volta successiva), diamo linee guida sul progettino, indichiamo quali strumenti possono utilizzare (tutti manuali ovviamente!), e quindi al lavoro: mettono i guanti per la lavorazione, prendono misure con il metro, tracciano linee con le squadre, tagliano con i seghettini manuali, carteggiano con la carta vetrata, praticano fori con il trapanino a manovella o con i vecchi girobacchini, assemblano le parti incollando oppure avvitando, viene poi la seconda fase, quella della decorazione dove dipingono e rifiniscono l’oggetto”.

I bambini sono usciti dall’ultima lezione mostrando con grande orgoglio il loro manufatto ai genitori.

“L’esperienza è stata positiva” ci ha detto Elena Rossi, consigliere comunale di Oleggio Castello “Stiamo già progettando un nuovo corso per il prossimo ottobre, magari ampliando in termini di tempo”.

Il 29 settembre in occasione di Natura in festa ad Oleggio, la Naturando Academy presenterà il nuovo corso e darà la possibilità ai bambini di provare, nel corso della giornata, ad utilizzare gli strumenti.

Maggiori informazioni Naturando Academy

PUBBLICITA\'
Sono nata a Verbania nel 1975, ed ho avuto la fortuna di crescere tra Baveno e Stresa, due luoghi che amo moltissimo. Ho scritto per "Il giornale di Verbania" ed ora collaboro con Il Vergante, come corrispondente da Stresa, la cittadina in cui sono tornata a vivere dopo sette anni a Torino. Gestisco una pagina Facebook dedicata alla perla del lago: "vivi-amo Stresa", nella quale raccolgo foto e recensioni del nostro territorio e gli eventi organizzati. Vita privata? Impegnativa. Quattro figli, che spesso mi seguono nella "caccia agli articoli" e alle riunioni di redazione, ma è importane che sappiano delle mie passioni ed imparino a conoscere il luogo in cui stanno crescendo, per poterlo amare e, magari, un giorno, migliorare.