Riceviamo dagli studenti che frequentano l’Istituto Alberghiero E. Maggia di Stresa, il resoconto relativo all’assemblea che si è tenuta lunedì 25 febbraio nella loro scuola.

“Lunedì sera, al consiglio di Istituto in seduta straordinaria tenuto nella sala conferenze dell’Istituto alberghiero “E. Maggia” di Stresa, i rappresentanti di Istituto hanno fatto sentire i disagi che stanno vivendo grazie alla situazione logistica. “Qui produciamo qualità!”  esordisce così Alessandro Porrini, rappresentante di Istituto e alunno della “Scuola di Stresa”, ricorda anche (dopo la riproduzione di un video clip creato dagli stessi studenti) che gli alunni di un Istituto alberghiero devono aver la possibilità di lavorare e apprendere la professione anche tramite attrezzature e strutture che sappiano far fronte ad un fenomeno in continua evoluzione come il turismo, che porta ricchezza al territorio. Questa cosa non è pienamente possibile visto il sovraffollamento dei laboratori dovuto all’alto numero di classi (35) e alla distanza della sede di via Mainardi ai distaccamenti (2 km). Alessandro conclude l’intervento dicendo di aver paura che la fama, creata in quasi 80 anni di storia, di questo storico Istituto venga persa in seguito a questi problemi, che possono apparire “piccoli” a molti, ma che in verità si dimostrano “enormi” per il buon funzionamento della Scuola.”

Giovanni Mastrocchi e gli studenti dell’Istituto Albeghiero di Stresa

PUBBLICITA\'