Positivo l’incontro di questa mattina in Regione, presenti anche l’assessore Gilberto Picchetto e Alberto Cirio, oltre ai consiglieri regionali Roberto De Magistris e Aldo Reschigna . “Era necessario fare chiarezza sulle competenze e le tempistiche d’intervento” ha commentato il Sindaco di Stresa Canio Di Miliae questi obiettivi sono stati raggiunti.” si può guardare al futuro della funivia con maggiore serenità quindi, grazie ad una sinergia tra Regione Piemonte e Comune di Stresa e al contributo che dovrà essere erogato dal futuro gestore dell’impianto.

Questo il piano: a fine aprile, in sede di approvazione del bilancio regionale, sarà allocato 1 milione ed 800 mila euro ed a fine maggio la SCR, società di committenza regionale, indirà la gara di appalto che prevede l’esecuzione delle opere e la gestione futura dell’impianto.

Come già anticipato dal Sindaco Di Milia nell’incontro pubblico dello scorso 26 marzo, il comune di Stresa contribuirà alla spesa con 1 milione di euro che verranno presi dalla tassa di soggiorno ed con altrettanti dovrà contribuire il futuro gestore dell’impianto, mentre la restante parte potrebbe essere allocata dalla stessa SCR o recuperata attraverso i ribassi d’asta in modo da coprire i 4 milioni e 100 mila euro necessari .

Abbiamo superato lo stallo ed abbiamo salvato l’impianto” ha commentato Valerio Cattaneo, presidente del consiglio regionale del Piemonte “La funivia Stresa Mottarone rappresenta un importante attrattiva non solo per Stresa e per il Mottarone, ma per tutto il bacino turistico del lago Maggiore

Nel 2014 l’impianto resterà fermo alcuni mesi, ma questa volta per riprendere poi la sua piena attività continuando a trasportare i turisti che potranno appagare il loro desiderio di bellezza ammirando il nostro territorio.

Funivia Stresa-Mottarone

Immagine di Jeroen020 tratta dal sito www.flickr.com

PUBBLICITA\'
Elena Spantaconi
Sono nata a Verbania nel 1975, ed ho avuto la fortuna di crescere tra Baveno e Stresa, due luoghi che amo moltissimo. Ho scritto per "Il giornale di Verbania" ed ora collaboro con Il Vergante, come corrispondente da Stresa, la cittadina in cui sono tornata a vivere dopo sette anni a Torino. Gestisco una pagina Facebook dedicata alla perla del lago: "vivi-amo Stresa", nella quale raccolgo foto e recensioni del nostro territorio e gli eventi organizzati. Vita privata? Impegnativa. Quattro figli, che spesso mi seguono nella "caccia agli articoli" e alle riunioni di redazione, ma è importane che sappiano delle mie passioni ed imparino a conoscere il luogo in cui stanno crescendo, per poterlo amare e, magari, un giorno, migliorare.