Da Mozart83 - Wikimedia Commons

Riprendono dopo una breve pausa estiva i concerti dello Stresa Festival, tema di questi incontri di fine estate 2013 Terra e Cielo”, a simboleggiare la proiezione dei nostri migliori desideri e l’aspirazione a un mondo più giusto ed equo, con la consapevolezza di un solido radicamento nella nostra realtà.

Sedici concerti ancora in programma tra la fine di agosto ed i primi di settembre, che offriranno una carrellata musicale all’insegna del classicismo, passando dal tardo Ottocento fino ad arrivare ai primi del Novecento.

Concerto di apertura sabato 24 agosto alle 20 al Palazzo dei Congressi con la Gstaad Festival Orchestra diretta da Neeme Järvi.  In programma La Moldava di Smetana e La Mer di Debussy oltre a Four Sea Interludes dal Peter Grimes di Britten e a Water, composizione per pianoforte e orchestra composta e interpretata da Fazil Say.

A seguire tre serate dedicate a Beethoven. Domenica 25, lunedì 26 e martedì 27 agosto tre concerti, tutti serali, nella Chiesa Parrocchiale di SS. Ambrogio e Teodulo in onore alla musica del grande maestro che visse a cavallo tra il ‘770 e l’ ‘800 e che ha regalato alle generazioni che gli sono succedute note insostituibili, interpretati da tre quartetti.

I concerti proseguiranno tutte le sere, fino a sabato 7 settembre e toccheranno location suggestive come l’Isola Bella, l’Isola Madre ed il collegio Rosmini appagando vista ed udito.

Per maggiori informazioni e per leggere il programma completo StresaFestival.eu

PUBBLICITA\'
Elena Spantaconi
Sono nata a Verbania nel 1975, ed ho avuto la fortuna di crescere tra Baveno e Stresa, due luoghi che amo moltissimo. Ho scritto per "Il giornale di Verbania" ed ora collaboro con Il Vergante, come corrispondente da Stresa, la cittadina in cui sono tornata a vivere dopo sette anni a Torino. Gestisco una pagina Facebook dedicata alla perla del lago: "vivi-amo Stresa", nella quale raccolgo foto e recensioni del nostro territorio e gli eventi organizzati. Vita privata? Impegnativa. Quattro figli, che spesso mi seguono nella "caccia agli articoli" e alle riunioni di redazione, ma è importane che sappiano delle mie passioni ed imparino a conoscere il luogo in cui stanno crescendo, per poterlo amare e, magari, un giorno, migliorare.