Bilancio positivo per la giornata di festa della Croce Rossa di Stresa svoltasi sabato 4 maggio all’oratorio della città messo a disposizione dal Parroco Don Gian Luca Villa.

Un centinaio i bambini che hanno partecipato alle attività proposte dai volontari, che sono riusciti a coinvolgerli e divertirli anche impiegando le tecniche di trucco apprese ai corsi di formazione, riproducendo sul corpo dei partecipanti tagli, lividi, ustioni, ma anche farfalle e ragnatele dell’uomo ragno.

Tanti i laboratori oltre al truccabimbi: dal confezionamento di gioielli con pasta colorata, alla baby dance, dall’immancabile calcio al pallone ai laboratori di disegno.

Per gli adulti invece volontari a disposizione per misurare la pressione e controllare la glicemia; esposta anche l’ultima ambulanza acquistata.

E per finire in dolcezza? Un must per grandi e piccini: pane e Nutella.

Nella stessa giornata nel punto vendita Carrefour di Stresa sono stati raccolti generi alimentari che verranno utilizzati per aiutare famiglie in difficoltà, dieci ore di buon cuore hanno portato a raccogliere 542,369 kg di generi alimentari vari (1, 369 kg in più rispetto a quella dello scorso anno).

Un risultato sicuramente positivo, visti i tempi. Un plauso quindi a tutti i cittadini stresiani che hanno generosamente partecipato.

Ecco la “ classifica “ dei dieci prodotti più donati : Pasta 198,10 kg, Zucchero 59 kg, Riso 46 kg , Latte 46 l, Pomodori pelati 38,98 kg, Biscotti 25,165 kg, Fagioli 18,88 kg, Latte al cioccolato 15,7 l, Olio d’oliva 15,5 l , Piselli in scatola 13, 182 kg.

Stresa_Croce rossa

PUBBLICITA\'
Elena Spantaconi
Sono nata a Verbania nel 1975, ed ho avuto la fortuna di crescere tra Baveno e Stresa, due luoghi che amo moltissimo. Ho scritto per "Il giornale di Verbania" ed ora collaboro con Il Vergante, come corrispondente da Stresa, la cittadina in cui sono tornata a vivere dopo sette anni a Torino. Gestisco una pagina Facebook dedicata alla perla del lago: "vivi-amo Stresa", nella quale raccolgo foto e recensioni del nostro territorio e gli eventi organizzati. Vita privata? Impegnativa. Quattro figli, che spesso mi seguono nella "caccia agli articoli" e alle riunioni di redazione, ma è importane che sappiano delle mie passioni ed imparino a conoscere il luogo in cui stanno crescendo, per poterlo amare e, magari, un giorno, migliorare.