Prende il via oggi, giovedì 11 luglio alle 22.30  sul Sagrato della Chiesa dei SS. Gervaso e Protaso di Baveno la XVI Edizione del Baveno Festival “Umberto Giordano”, diretto da Raffaella Valsecchi.

Per la prima serata è previsto il concerto Da Bach ai Metallica, in cui il quartetto di violoncellisti formato da Andrea Cavuoto,  Marco Radaelli,  Livia Rotondi e Andrea Scacchi, animerà le installazioni luminose dello scenografo Sebastiano Romano sulla facciata della Chiesa e nel perimetro del Sagrato.

Il concerto sarà preceduto, alle ore 21.30, dall’inaugurazione della videoinstallazione Il granito: fatica e bellezza, anteprima dell’allestimento museale multimediale in corso di realizzazione presso il Museo Granum di Baveno.

E’ stata presentata nei giorni scorsi questa edizione del Festival, una rassegna musicale organizzata dall’amministrazione comunale di Baveno.

Sottotitolo dell’edizione 2013 l’ emozione, un sentimento che – come scrive il primo cittadino di Baveno, Massimo Zoppi – “rispetto ad una forma d’arte, parrebbe un sentimento ovvio e quasi scontato; ma non lo è sempre rispetto agli esiti che un’esibizione può suscitare“.

L’ emozione che la musica non può non risvegliare, un sentimento  che Baveno  ed il suo lago non possono non suscitare. Ed è proprio in un intreccio di luoghi e di temi musicali diversi, tra i quali tornano, come  un refrain, appuntamenti ormai entrati a far parte, in modo imprescindibile, della tradizione del Festival, che si articolerà la manifestazione.

Su tutti la musica di Giordano, a cui ogni anno è dedicato almeno un appuntamento: quello di quest’anno, in collaborazione con il Concorso Internazionale di Canto Lirico U. Giordano di Foggia, vedrà la realizzazione in forma semi-scenica del celeberrimo Andrea Chénier.

Altri appuntamenti del fine settimana:

Venerdì 12 alle 16 visita guidata all’ Isola Bella ed alle 18 presso la Chiesa di San Vittore “La passione, Amor perchè m’accendi?” un viaggio musicale nell’arietta italiana da camera tra Settecento e Ottocento con musiche di Cimarosa, Giuliani, Soler e Paganini interpretate dai musicisti Marina Bartoli, soprano e Rosario Conte, chitarra romantica – Ingresso a pagamento

Sabato 12 alle 17.30 presso l’hotel Lido Palace, “Il ricordo” omaggio ad Umberto Giordano ed alle 22.30 sul lungolago “I riflessi del lago dipingono il cielo“, installazioni video, luci e suoni sullo specchio d’acqua del lago a cura di Sebastiano Romano.

Domenica 13 alle 18.30 nella Chiesa dei SS. Gervaso e Protaso “Le vibrazioni del cuore, inconsueti incontri d’aria” con le musiche di Henry Purcell ed autori italiani del Cinque-Seicento con Gianluigi Troversi ai clarinetti e sax e Fabio Piazzalung all’organo – Ingresso a pagamento

Per maggiori informazioni e biglietti: Ufficio Turismo, Cultura e Sport del Comune di Baveno – piazza della Chiesa, 8 Tel. 0323.924632 Fax 0323.916975 E-Mail: info@bavenoturismo.it Orario biglietteria: giorni feriali 9.00-12.30 / 15.00-18.00

Nei giorni in cui avranno luogo i concerti la biglietteria riaprirà nella sede dello spettacolo un’ora prima dell’inizio.

PUBBLICITA\'
Elena Spantaconi
Sono nata a Verbania nel 1975, ed ho avuto la fortuna di crescere tra Baveno e Stresa, due luoghi che amo moltissimo. Ho scritto per "Il giornale di Verbania" ed ora collaboro con Il Vergante, come corrispondente da Stresa, la cittadina in cui sono tornata a vivere dopo sette anni a Torino. Gestisco una pagina Facebook dedicata alla perla del lago: "vivi-amo Stresa", nella quale raccolgo foto e recensioni del nostro territorio e gli eventi organizzati. Vita privata? Impegnativa. Quattro figli, che spesso mi seguono nella "caccia agli articoli" e alle riunioni di redazione, ma è importane che sappiano delle mie passioni ed imparino a conoscere il luogo in cui stanno crescendo, per poterlo amare e, magari, un giorno, migliorare.