Durante il Consiglio comunale straordinario di martedì 5 novembre la maggioranza dell’Amministrazione Gusmeroli, Lega e Liste civiche (composta da persone di tutti i credi politici), ha votato l’abolizione della TARES.  Per il 2013 verrà reintrodotta la TARSU del 2012, senza alcuna maggiorazione, in quanto il bilancio è già stato approvato il giugno scorso.

Grande la soddisfazione che ha espresso il sindaco al termine del Consiglio comunale: “Si tratta di una manovra di finanza locale importantissima, si potrebbe parlare di “economia applicata al sociale”, in quanto in un momento di crisi il ritorno alla TARSU va incontro a tutti gli aronesi, famiglie e attività economiche evitando loro la stangata prevista dal Governo Monti quando è stata introdotta la TARES che prevedeva incrementi dal 20 al 300%.  E’ la dimostrazione che anche in un periodo di tagli da parte del Governo Centrale agli enti locali e vincoli del patto di stabilità, il lavoro di squadra, l’utilizzo della tecnica contabile, la professionalità e l’impegno costante, ma soprattutto il cuore, permettono di raggiungere risultati considerati a volte impossibili“.

Rimarranno da pagare in più rispetto all’anno passato quei 0.30 euro al metro quadrato che andranno direttamente allo Stato.

Il sindaco Alberto Gusmeroli
Il sindaco Alberto Gusmeroli

 

[themoneytizer id=22270-19]
PUBBLICITA\'